A Story From: Italy
Read Time: ["3 to 5mins","6 to 10mins"]
For Ages: 5 to 7yrs., 8 to 10yrs.

Pinocchio Story Pinocho Storia di Pinocchio ~ Favole Racconti di favole

Questa è la favola Pinocchio Story, una favola per bambini. Questa storia è stata adattata da Le avventure di Pinocchio (1883) dello scrittore italiano Carlo Collodi e dalla versione Disney. È stato inventato da Stories to Grow by.

 

Un ragazzo fatto di legno

Molto tempo fa in Italia viveva su un vecchio orologiaio chiamato Geppetto. Tick-tic-tac! Tick-tic-tac! sono andati tutti gli orologi nel suo negozio. Quando lavorava, Geppetto si sentiva felice. Ma quando si riposò, una triste sensazione lo colse. "Ah!" Avrebbe pensato. "Tutta la mia vita e nessun bambino da chiamare il mio!"

Un giorno Geppetto scolpì una marionetta dal legno a forma di ragazzo. Le braccia e le gambe potrebbero muoversi. Ha tagliato e cucito un bel vestito per il burattino, come se fosse un vero ragazzo. "Ti chiamerò Pinocchio," disse Geppetto. Quella notte, Geppetto depose il burattino di legno sul letto.

Da una finestra, una grande stella scintillava luminosa. Geppetto guardò fuori dalla finestra la stella scintillante.

"Stella luminosa," disse Geppetto. "Se potessi esprimere un mio desiderio, sarebbe che potrei avere un mio vero ragazzo." Ma ovviamente sapeva che non era possibile.

Dalla finestra, una grande stella scintillava luminosa.

Quella notte, la stessa grande stella si immerse nella stanza di Geppetto. È cambiato in un fata blu! The Blue Fairy volò sul letto.

"Piccolo burattino di legno", disse la Fata Azzurra. "Al mattino, sarai in grado di camminare e parlare come un vero ragazzo." Toccò una volta il burattino con la sua bacchetta. "E se riesci a dimostrare che sei coraggioso e vero, un giorno sarai un vero ragazzo."

Gli occhi di Pinocchio si aprirono.

"Un'altra cosa", disse la Fata Azzurra. Ad un tratto. apparve un cricket. Era vestito benissimo e poteva parlare! "Incontra il cricket", disse la Fata Blu. Rimarrà con te per aiutarti a fare scelte sagge. "E con questo, la Fata Blu è svanita e se n'è andata! Fuori dalla finestra e su nel cielo notturno.

Quando Geppetto si svegliò il mattino seguente, disse: "Vado a prendere il burattino dal letto". Ma il letto era vuoto!

"Eccomi, padre!" Disse Pinocchio dall'altro lato della stanza.

Geppetto si girò. "Che cosa? Puoi parlare?"

"Eccomi, padre!"

"Sì! Sono Pinocchio, il tuo ragazzo! "

"Come può essere?" Disse Geppetto scioccato. Poi disse: "Ma a chi importa?" Si precipitò verso di lui e prese tra le braccia il burattino di legno. "Pinocchio, figlio mio!" Disse in grande felicità.

 

A scuola

Un giorno Pinocchio disse: "Voglio andare a scuola, come gli altri ragazzi".

"Certo," disse Geppetto. Ma non aveva i soldi per comprare i libri di scuola.

Più tardi quel giorno, Geppetto tornò a casa con i libri di scuola. "Adesso puoi andare a scuola" disse.

"Ma padre," disse Pinocchio, "dov'è il tuo cappotto caldo?"

Con un cenno della mano, Geppetto disse: "Non c'è bisogno di preoccuparsi di questo. Quello che conta è che domani andrai a scuola! "Non voleva che Pinocchio sapesse che aveva scambiato il suo cappotto caldo per comprare i libri di scuola.

Il mattino dopo, Pinocchio salutò Geppetto. Saltò lungo il sentiero per andare a scuola, canticchiando mentre andava. Il Cricket cavalcò sulla sua spalla, felice anche lui.

Venendo a loro sul sentiero c'era una volpe e un gatto.

"E dove stai andando in questo bel giorno?" Disse la Volpe.

"Vado a scuola!" Disse Pinocchio.

"In una giornata così bella?" Disse la Volpe. "È troppo bello essere bloccato a scuola! Dovresti venire con noi, in fiera. "

"Vado a scuola!" Disse Pinocchio.

"Ascoltami," disse la Volpe. Mise un braccio attorno alla spalla di Pinocchio. "Tutto ciò che devi sapere, puoi imparare alla fiera."

"Davvero?" Disse Pinocchio.

"Prendilo da me" disse la volpe.

"Pinocchio!" Disse il Cricket. "Non sa di cosa sta parlando!"

La Volpe coprì il Grillo con il suo cappello. Nessuno poteva sentire l'ometto mentre il Cricket cercava di gridare: "Pinocchio, non ascoltarlo!"

"Ok!" Disse Pinocchio. "Andiamo alla fiera!" E sono andati via.

 

La fiera

Che fiera! Al cancello c'era un uomo vestito di bianco. Ha gridato: "Entra, entra! Proprio in questo modo! Prendi i tuoi biglietti qui! "

Con uno sguardo triste, Pinocchio disse a Fox e Cat: "Non ho biglietti".

Un uomo vendeva cose vecchie a un tavolo vicino al cancello. Ha chiamato, "Ehi, tu! Vendimi quei tuoi nuovi libri di scuola! È così che puoi ottenere denaro per i biglietti. "

La fiera era così luminosa, colorata ed eccitante, che la cosa successiva che Pinocchio sapeva di aver venduto i suoi libri di scuola per i biglietti.

"No, Pinocchio, fermati!" Chiamò il Cricket, che finalmente uscì da sotto il cappello della Fox. Ma Pinocchio, la Volpe e il Gatto non l'hanno sentito. Erano già dentro la fiera.

 

L'uomo che ha gestito la fiera

Sul palco c'era uno spettacolo di burattini! "Anche io sono un burattino!" Disse Pinocchio "Posso ballare così!" Saltò dritto sul palco e iniziò a ballare con gli altri burattini.

"Guarda quel nuovo fantoccio!" Qualcuno chiamò. "Non ha archi!"

"No stringhe?", Ha detto un altro. "Stupefacente!"

Tutti ridevano e ridevano. Hanno lanciato monete sul palco.

L'uomo che gestiva la fiera vide volare delle monete sul palco. "Bene, ora!" Disse, sfregandosi il mento. "Questo burattino senza archi mi renderà ricco!"

La cosa successiva che Pinocchio sapeva fu che fu raccolto e gettato in una gabbia per uccelli. Nel momento successivo, la porta fu chiusa a chiave.

"Ehi, tirami fuori!" Chiamò Pinocchio. Ma la persona che lo aveva buttato in casa lasciò la stanza. Solo il Cricket sentì le chiamate di Pinocchio. Il Cricket correva avanti e indietro, dentro e fuori dalla gabbia, cercando di trovare un modo per liberare la serratura. Ma non poteva sbloccarlo.

"Sono bloccato!" Gridò Pinocchio. "Come è successo a me?"

 

Il naso cresce

Tutto ad un tratto, puff! C'era la Fata Blu.

"Per favore!" Disse Pinocchio. "Mi potete aiutare?"

"Dimmi prima qualcosa," disse la Fata Azzurra. "Come sei entrato in quella gabbia?"

"Dille cosa è successo," disse il Cricket.

"Bene ..." Pinocchio si fermò. Poteva davvero dire alla Fata Azzurra cosa era successo? Cosa penserebbe di lui?

"Dimmi prima qualcosa," disse la Fata Azzurra. "Come sei entrato in quella gabbia?"

"Um, sono stato derubato" disse Pinocchio.

"È vero?" Disse la Fata Azzurra con un'espressione accigliata. Il naso di Pinocchio cominciò a crescere.

"Sì, derubato!" Disse Pinocchio. "Con due uomini cattivi - no, quattro!"

Il naso è cresciuto di più.

"Hanno preso i miei libri. Mi hanno fatto venire qui. E mi hanno buttato in questa gabbia! "

Il suo naso divenne sempre più lungo. Fino a quando Pinocchio non riuscì a vedere nulla davanti alla sua faccia ma un grosso naso gigante.

"Perché il mio naso è così grande?" Gridò Pinocchio.

"Pinocchio!" Disse la Fata Azzurra con una voce severa. "Devi sapere qual è la verità."

"Credo di sì" disse Pinocchio. "Volevo venire alla fiera. Sono venuto qui con una volpe e il gatto. "

Il naso si accorciò.

"Ho dovuto vendere i miei libri per ottenere dei biglietti."

"Dovuto?" Disse la Fata Azzurra.

"Voglio dire, ho deciso di vendere i miei libri per ottenere i biglietti", ha detto.

Il naso si accorcia.

Il naso si accorcia ancora.

"Poi qualcuno mi ha messo in questa gabbia", ha detto.

Il naso era tornato alla normalità. "Bel lavoro, Pinocchio!" Disse il Cricket.

"Ben fatto," disse la Fata Azzurra. "Ora ti tirerò fuori di qui."

Con un gesto della sua bacchetta, Pinocchio era fuori dalla gabbia.

"Ecco i tuoi libri." E Pinocchio teneva di nuovo gli stessi nuovi libri di scuola nelle sue mani.

"Sappilo", disse la Fata Azzurra, "da solo tu sei d'accordo. Assicurati di fare la cosa giusta la prossima volta. "E lei non c'era più.

 

Il cocchiere

Pinocchio era tornato sulla strada per andare a scuola. Un cocchiere guidò. "Ehi piccolo, che ne dici di un passaggio?"

"No, grazie" disse Pinocchio. "Sto andando a scuola."

"Viaggerai più veloce con me," disse il cocchiere a Pinocchio. Disse a se stesso: "Camminerà più veloce, ma non dove pensa che stia andando!"

"Va bene," disse Pinocchio. "Voglio andare a scuola subito!"

Quando Pinocchio era dentro l'allenatore, il cocchiere disse: "Dì ragazzo, perché pensi che ragazzi come te vanno a scuola?"

"Imparare le cose" disse Pinocchio. "E per crescere, immagino. Quindi possiamo fare quello che vogliamo. "

"Bene," disse il Cocchiere, "e se ti dicessi che potrebbe fare quello che volevi, adesso?"

"Proprio adesso?"

"Sì! Pensaci. Salta i libri. Salta la scuola. In questo momento, come ti piacerebbe avere tutte le caramelle che puoi mangiare! "

"Tutte le caramelle?"

"Sì. Anche il gelato. Di ogni sapore. Vuoi sempre fumare un sigaro o giocare a biliardo? Tutto questo e altro ancora, a Pleasure Island."

"Isola del piacere?"

"Il miglior posto al mondo per ragazzi come te!"

"Non ascoltarlo, Pinocchio!" Gridò il Grillo.

Il miglior posto al mondo per ragazzi come te! "

"Perché aspettare?" Disse il cocchiere. "So esattamente dove si trova Pleasure Island. Questo è il tuo giorno fortunato, ragazzo. Allora cosa ne dici?"

"Andiamo lì!" Disse Pinocchio. "Vado a Pleasure Island!"

"Augh!" Disse il Cricket, agitando le braccia in aria.

 

Isola del piacere

Dopo un po ', l'allenatore si fermò. "Hai un ragazzo con te in quell'allenatore?" Disse uno sconosciuto sconosciuto al cocchiere.

"Sì." Il Cocchiere afferrò Pinocchio e lo gettò a terra. "È tutto tuo. Ora paga. "

Il cocchiere cercò qualcosa (erano soldi?) Dall'oscuro sconosciuto. Poi il cocchiere partì.

Cosa potrebbe significare tutto ciò? Ma mentre Pinocchio si guardava intorno, non gli importava più. Per tutto quello che il Cocchiere gli aveva detto era vero! Cumuli di caramelle tutto intorno. Vaschette di gelato in ogni sapore. Ragazzi come lui potevano mangiare e mangiare e giocare tutto il giorno. Nessuno di loro ha dovuto lavorare o pulire. C'erano persino dei sigari se ne volevi uno e dei biliardi per giocare.

Ma dopo pochi giorni, qualcosa era strano. "Dove sono andati tutti i ragazzi?" Chiese al Cricket.

Per tutto ciò che i Coachman gli avevano detto era vero!

"Tutto quello che vedo ora sono gli asini" disse Pinocchio.

"Devo dire che c'erano più ragazzi qui intorno," disse il Cricket.

Proprio in quel momento, una delle sue orecchie spuntò in un orecchio d'asino. Poi anche l'altro orecchio spuntò in un orecchio d'asino.

"Oh!" Gridò il Grillo. "Cosa ti sta succedendo?"

"Non lo so - HONK!" Disse Pinocchio.

Pinocchio e il Cricket videro una fila di asini guidati da uno sconosciuto scuro su un camion. "Oh, no!" Disse il Cricket. "Ora capisco! I ragazzi si trasformano in asini qui. Quindi gli asini sono venduti! Pinocchio, dobbiamo portarti fuori di qui, in fretta - finché siamo ancora in grado! "

"Andiamo - HONK!" Disse Pinocchio. I suoi due piedi erano spuntati in quattro.

"Corri, presto!" Disse il Cricket. Una cosa buona delle nuove quattro gambe di Pinocchio è che potrebbe correre molto veloce! Veloce, veloce, hanno finito l'isola del piacere. Presto si trovarono in un bacino vicino all'oceano.

"Per favore, signore!" Gridò Pinocchio a un uomo vicino al molo. "Sto cercando un vecchio di nome Geppetto. Lo conosci? - HONK! "

"Sembra che tu abbia un brutto raffreddore," disse l'uomo. "Hmm, Geppetto. Quello è il vecchio il cui figlio è partito una mattina e non è più tornato. Andò su una barca per cercarlo. Nessuno ha visto il povero ragazzo da allora. "

"Oh no! È tutta colpa mia - HONK! "Disse Pinocchio. "Devo cercare mio padre!" Pinocchio saltò giù dal molo nell'oceano. Anche il Cricket entrò in campo, molto vicino.

 

La balena

La maggior parte di Pinocchio era ancora fatta di legno, così da poter galleggiare sull'oceano. "Padre!" Gridò, remando l'acqua con le braccia. "Padre!" Ma non ci fu risposta.

Tutto ciò che Pinocchio poteva vedere intorno a lui era acqua blu, dappertutto. Fino a che cosa era, molto lontano? Qualcosa stava accelerando. Qualcosa di grande e molto veloce!

In un attimo, una gigantesca balena era su di loro. Ha aperto le sue mascelle giganti e con un sorso, Pinocchio ingoiato! Correre dentro con tutta l'acqua del mare ha colpito il Pinocchio e il Grillo. Quando si fermarono, videro che erano nel ventre oscuro della balena.

"Stai bene?" Disse Pinocchio al Grillo.

"Sto bene," disse una voce di un vecchio.

"Aspetta un minuto," disse Pinocchio. "Padre, sei tu?"

C'era Geppetto!

"Padre, padre, sono io!" Disse Pinocchio.

"Figlio mio!" Disse Geppetto. "Pensavo di sognare!"

Si abbracciarono nella gioia.

"Padre, padre, sono io!" Disse Pinocchio.

"Guarda!" Disse Geppetto mentre nuotavano tre pesci. "Ecco la nostra cena!"

"Padre, ho un'idea! Facciamo un fuoco. "

"Pesce alla griglia stasera!" Disse Geppetto.

"No, intendo per noi uscire!" Disse Pinocchio. Raccolse dei legni e accese una fiamma. "Ecco come possiamo far starnutire la balena!" Disse. Pinocchio agitò le braccia sulla fiamma per fare molto fumo. Ben presto, nuvole di fumo nero si stavano alzando.

La balena ha dato un colpo di tosse. "Aspetta!" Disse Pinocchio. E poi ... WHAM !! In un grande starnuto, Pinocchio, Geppetto e il Grillo volarono fuori dalla bocca della balena. Rotolando ancora e ancora nell'acqua di mare, alla fine si rovesciarono sulla riva.

"Pinocchio?" Geppetto si alzò in piedi. Il Cricket era lì accanto a lui. Ma dov'era Pinocchio?

"Aspetta!" Disse Pinocchio.

E poi l'hanno trovato! Pinocchio era a faccia in giù, con la testa in una pozzanghera.

“Pinocchio!”

Erano in ritardo. Geppetto e il Cricket piangevano su Pinocchio, il burattino, che giaceva immobile nell'acqua.

Poi in un lampo, chi c'era ma il Fata Azzurra!

"Pinocchio," disse lei. "Hai salvato tuo padre. Hai dimostrato di essere coraggioso e vero. »Batté la testa con la sua bacchetta. "E ora sarai un vero ragazzo."

Pinocchio si svegliò. Guardò le sue braccia morbide e le sue gambe morbide.

"Padre!" Gridò. "Guarda! Sono un vero ragazzo! "

"Che sei!", Esclamò Geppetto.

The Blue Fairy si rivolse al Cricket. "Vieni," disse lei. In un lampo, i due erano spariti.

E Pinocchio e Geppetto vissero insieme lunghi e felici anni.

end

MORE STORIES

Review Here






SOURCE:
FOOTNOTE: